Una chiacchierata appassionante

Chiacchierata e caffè

Chiacchierata e caffè

Oggi ho pranzato con Getaneh Agegn, un collega del DILL1, che ora sta facendo il dottorato a Portsmouth; è impegnato in una ricerca che lo porta a intervistare studenti e professionisti del settore. Abbiamo quindi avuto modo di fare una lunga intervista-chiacchierata in un bel caffè del centro storico, e come capita sempre in queste occasioni, ci si sorprende sempre delle proprie stesse parole, perché parlando si imparano tante cose quanto ascoltando. Sarebbe bello poter trascrivere tutta la chiacchierata (nella quale io ero more the chatter than the chattee, quindi diventerebbe una roba un po’ egotica e psicanalitica) ma non posso che limitarmi a brevi appunti.

Continue reading “Una chiacchierata appassionante”

Una chiacchierata appassionante

Poesia e Conoscenza

Abbiamo iniziato le lezioni di Information and Knowledge Management, e nelle prime battute stiamo tentando di definire i concetti base, che mai come in questo caso si rivelano elusivi; che cos’è in fin dei conti l’informazione, che cos’è veramente la conoscenza? E’ una calda notte d’estate nell’Antica Grecia.

Un’immagine ricorrente per illustrare la relazione fra questi concetti e le rispettive sfere di significato è la piramide Data > Information > Knowledge > Wisdom (Dati > Informazioni > Conoscenza > Saggezza).

Mi riconosco molto in questo schema, mi sembra funzionare. Dal blog Digital Collaboration mi viene ricordato che questa “gerarchia” trova origine in alcuni versi di T.S. Eliot:

Where is the Life we have lost in living?
Where is the wisdom we have lost in knowledge?
Where is the knowledge we have lost in information?

(T.S. Eliot, Choruses from the Rock, 1934)

Rispondendomi sul blog, Sue Myburgh si dimostra “stupita” che il fondamento della disciplina si trovi in una poesia.

Io invece no. Perché da sempre ho creduto nel valore ermeneutico della poesia, e dell’arte – che per me sono sempre stati strumenti di conoscenza molto più che non la stessa ricerca scientifica.

Poesia e Conoscenza

Wayback, and fly high

Momento di intimità.

Curiosando in giro per internet, mi è capitato di fare un salto sull’Internet Archive, il sito che conserva collezioni digitali – immagini, testi, video – per la futura memoria. La sua funzione più eclatante è forse l’archiviazione del Web: oltre 150 miliardi di pagine sono state raccolte e salvate a partire dal 1996, e grazie alla Wayback Machine sono raggiungibili e consultabili i contenuti di migliaia di siti internet ormai scomparsi, abbandonati, cancellati.

Preso da uno di quei momenti di nostalgia che ti fanno salire in soffitta a riaprire gli scatoloni, sono andato a cercare le pagine del mio primo sito web, creato per ospitare poesie e dibattiti letterari ai tempi dell’università. Con un po’ di emozione, ho recuperato un testo che pensavo non esistesse più.

Continue reading “Wayback, and fly high”

Wayback, and fly high